Teodolinda

Azienda Agrituristica Paolini Paolo, Anna e C. s.s.
Azienda Agrituristica Paolini Paolo, Anna e C. s.s.

Il nome, la sua storia

Il colore che  predomina in questa stanza, è il colore del cuore e dell’amore, del dinamismo e della vitalità, della passione e della  sensualità, dell’autorità e della fierezza; simbolicamente, rappresenta a tutto tondo la  personalità della Regina dei Longobardi  Teodolinda o “Teodelinda”.

     Per suggellare l'alleanza tra Bavari e Longobardi venne data in sposa ad Autari, re dei Longobardi, asceso al trono dopo una fase di assenza di potere regio. Autari morì, dopo solo un anno di nozze.

     (…alla Regina Teodolinda, molto amata, i Longobardi permisero di conservare la dignità regia suggerendole di scegliersi per marito chi avesse voluto tra tutti i Longobardi, purché tale naturalmente da ben governare il regno. Ella consigliatasi con i più saggi, come sposo per sé e come re dei Longobardi scelse il duca di Torino Agilulfo: un uomo valoroso e ardito, adatto a governare sia per l’aspetto sia per l’animo.

     Subito la regina lo convocò, anzi gli andò incontro lei stessa verso la rocca di Pomello. E una volta che Agilulfo fu arrivato, la regina, dopo qualche convenevole, fece portare del vino. Bevve per prima, offrendo poi ad Agilulfo ciò che restava nella coppa. Accettata la coppa dalla regina, Agilulfo rispettosamente le baciò la mano; ma Teodolinda, sorridendo e imporporandosi in volto, gli disse che non doveva baciarle la mano, bensì il volto. E subito, facendosi baciare, lo informò sia delle nozze sia del titolo regio.

     Che più? Le nozze vennero celebrate con grandi manifestazioni di  letizia…

     Paolo Diacono – Storia dei Longobardi)